Alan Grant sostiene che ci sono due tipi di persone: coloro che vogliono diventare astronomi e coloro che vogliono diventare astronauti, gli astronomi studiano cose incredibili da una posizione sicura. Gli astronauti le fanno. Io non voglio mantenermi in una posizione sicura, non andrei mai nello spazio, non potrei toccare con mano quello che sono in grado di fare nelle Sue mani.

“Per voi che prima non eravate un popolo, ora siete il popolo di Dio, voi che non avevate ottenuto misericordia ma ora avete ottenuto misericordia.” 1 Pietro 2.10

Colui che ha deciso di darti una nuova vita ha anche voluto farti staccare i piedi da terra. Molte volte Dio deve portarci all’estremo per farci capire che lassù, qualsiasi capacità umana cederebbe e solo per grazia e fede possiamo rimanere in alto. Quanto ti stai lasciando staccare da terra? Prima di volare, ogni piolo che ti tiene si deve rompere, farà male? Ne varrà la pena.

Lui non è preoccupato dei tuoi limiti. Sarà Dio a darti l’identità da astronauta, tu intanto preparati per spiccare il volo. Prima non eri, ora sei Suo.
OBIETTIVO DI PREGHIERA
In questi giorni di digiuno chiedi a Dio di farti conoscere meglio come sono le cose viste dal Suo punto di vista. Mettiti in discussione perché sicuramente Dio ti presterà un paio di occhiali nuovi o farà un’operazione ai tuoi occhi, a Lui interessa che tu possa vederti esattamente come Lui ti vede essere cosciente e consapevole di tutto quello che puoi fare con Lui.

Elenca quelli che pensi siano i tuoi limiti e ricordati che per ognuno di essi c’è una porzione della potenza di Dio, bello eh?

 Ed egli mi ha detto: «La mia grazia ti basta, perché la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza». Perciò molto volentieri mi vanterò piuttosto delle mie debolezze, affinché la potenza di Cristo riposi su di me. 2 Corinzi 12:9

Past. Romina Porporato