Probabilmente sai che esistono delle leggi fisiche che regolano la creazione. Ti ricorderai a esempio del siracusano Archimede (quello che esclamò “Eureka!”) grazie al quale sappiamo che un corpo immerso in un liquido riceve da questo una spinta verso l’alto uguale al peso del liquido che sposta. Giusto, no? Senza voler indagare sulle tue reminescenze scolastiche vorrei portarti a un punto: le leggi fisiche valgono per gli esseri fisici.

Ma tu non sei solo un essere fisico.Dal momento in cui sei nato di nuovo sei diventato un essere spirituale, capace di vedere ed entrare nel Regno di Dio (Giovanni 3). Gesù disse chiaramente che “Dio è Spirito” (Giovanni 4) e allora forse dobbiamo smettere di applicare le nostre leggi fisiche per capire e inscatolare un Dio che è al di sopra di ogni cosa.

Forse dobbiamo iniziare ad ascoltare il vento dello Spirito e seguirLo aprendo le nostre ali. SeguirLo dove Lui ci porta per scoprire la Sua Grandezza e Bellezza. Impariamo a vivere senza gravità. Stacchiamoci da questo mondo e cerchiamo le cose di lassù (Colossesi 3) dove la nostra vita è nascosta con Cristo in Dio.